Home Attualità IL CASO DELLA SEA WATCH – CI RISIAMO !

IL CASO DELLA SEA WATCH – CI RISIAMO !

LA TRATTA DEGLI SCHIAVI 2.0

230
0
SHARE

IL CASO SEA WATCH 3 –CI RISIAMO !
Purtroppo,la politica italiana,è ancora una volta presa e distolta, dal suo normale lavoro,da un caso di migranti irregolari.
Nel porto di SIRACUSA, è ferma da giorni, una nave,la Sea Watch3, di nazionalità Olandese,con a bordo 47 migranti salvati, partiti dalla Libia su un gommone e subito in difficoltà. Il Ministero dell’Interno ,ribadisce la politica adottata, dei porti italiani chiusi ai migranti irregolari e quindi non permette che sbarchino.
Qui ricomincia la solita commedia, della strumentalizzazione del dolore,della pietà a fini politici ed elettorali.
S’odono a sinistra , urla strazianti di dolore e di pietà,per quei poveri migranti e si fa appello al senso di umanità, per salvarli. Però i migranti ,sono stati già salvati ed ora stanno su una nave e non rischiano di morire affogati. Il problema,come sempre, è chi li deve accogliere. Il comandante della nave, ha detto che si è diretto verso l’Italia per sfuggire alla tempesta .Perchè non è andato in Tunisia o a Malta, che erano molto più vicine?
Un trio di parlamentari , in vena di eroismo,hanno affittato un gommone ,sfidato il mare e con manovra coraggiosa, e sprezzo del pericolo ma a favore di telecamera,degna della famosa DECIMA MAS,hanno eluso la sorveglianza delle motovedette della guardia costiera,per salire a bordo della nave,cosa vietata dalle autorità, per renedersi personalmente conto, della situazione e per farsi molte foto commoventi.Hanno riferito di condizioni terribili dei migranti.Gente picchiata,ferita,storpiata dai tafficanti di esseri umani.Ci sono persino dei minori a bordo. Ma cosa pensavano di trovare? Se si informassero bene,saprebbero che i trafficanti di schiavi, da quando abbiamo contrastato seriamente il fenomeno, compongono con molta accuratezza e intelligenza, i “carichi umani” da mettere su imbarcazioni, che sanno non reggeranno la traversata e quindi verrano imbarcati da qualche nave ONG, avvisata prima. Queste organizzazioni criminali,adesso contano proprio sull’effetto “pietà umana” della gente e dei governanti,per aprire una crepa, nella chiusura dei porti. Solo quando capiranno ,che in Italia non si può più veramente sbarcare,finirà questo traffico,queste morti in mare,queste violenze,questo sfruttamento. Mi meraviglia che dei parlamentari, infrangano tranquillamente le leggi,loro che dovrebbero essere i primi a rispettarle e che poi, insistendo sul lato umano per sbarcarli, si rendano complici di questi criminali. Adesso purtroppo assisteremo,ad un penoso,va e vieni dalla nave,di parlamentari,in cerca di visibilità e voti delle anime belle,delle pie donne,degli idealisti senza più ideologia,dei buonisti e pietisti senza se e senza ma,degli ambienti cattolici,degli ambientalisti ad ogni costo.
Due parole sulla navi ONG ( Organizzazioni Non Governative) .Le ONG sono Agenzie,Organizzazioni private, benefiche, che si interessano nel mondo, di varie cose, come aiutare i paesi in via di sviluppo,fare rispettare i diritti umani e civili,collaborare con istituzioni tipo Onu,operare contro la fame nel mondo,soccorrere i rifugiati,i bambini africani e via di seguito. Bisogna presentare dei progetti, per ottenere dai vari ministeri la qualifica di ONG. Una volta avuta tale qualifica,si hanno sovvenzioni da parte dei governi,dalla Unione Europea e donazioni,sia da parte dei supermiliardari,per poter detrarre le donazioni dalle tasse,sia da parte di cittadini comuni,mediante conto corrente,che si vedono arrivare a casa, quotidianamente. Ricevono quindi un mare di soldi.Purtroppo,queste organizzazioni,non hanno gli obblighi di trasparenza di tutte le altre società,riguardo ai bilanci,alle spese .Praticamente, non si sa dove vadano a finire tutti i soldi che incassano. I Magistrrati della UE, ultimamente si sono lamentati, che queste ONG, che,a loro dire,sono praticamente fuori controllo.Si ha il sospetto,che non tutte ( e sono tantissime nel mondo.solo in Italia sono un centinaio!) siano “pulite” come dicono e che invece possano nascondere attività illecite. Ci si può rendere conto,di come queste organizzazioni private,possano mantenere navi per mesi a pattugliare il Mediterraneo. Si capisce pure, che più sono “visibili”,un passaggio in TV è una vera manna, più incassano.

Una domanda che quasi nessuno si pone è: perché se tutti questi migranti,fuggono da guerre,persecuzioni, torture,gli scafisti,che li portano in salvo,se trovati,vengono catturati ed imprigionati? Dovrebbero essere premiati ,per aver salvato tanta gente.

Altra domanda senza risposta.Tempo fa in Italia ,sono arrivati irregolarmente, migliaia e migliaia di peruviani e sudamericani.Entravano in Italia con l’aereo e col permesso turistico.Pagavano solo il biglietto aereo. Perché questi migranti ( eccetto il 7% di loro,come è stato accertato, che sono veramente profughi) invece di pagare cinquemila/ seimila dollari, ai trafficanti di schiavi,non si fanno il passaporto e poi, in aereo, vengono in Italia col visto turistico? Costerebbe loro, molto ma molto meno e non verrebbero picchiati,derubati,violentati.

Possibile che ancora non ci si renda conto,che questa,è una lotta contro la criminalità organizzata internazionale,che ha ripristinato la trattra degli schiavi? Questo fenomeno frutta tantissimo,più del traffico di droga e bisogna combatterlo con durezza .
Un’ultima cosa,ma non per importanza, questa massa di uomini e donne , in cerca di lavoro e benessere,giova a certi datori di lavoro,( una volta si diceva “padroni”),che vedono in questi migranti, della manodopera a basso costo,gente da sfruttare impietosamente.
Per pietà li facciamo sbarcare e senza pietà poi li sfruttiamo?

GIAN LUIGI BELLINI
Gennaio 2019

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here